Ricci di mare
Ricci di mare
Cronaca

Frutti di mare scongelati, non erano idonei al consumo

Ancora un'operazione della Guardia di Finanza

I Militari della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Bari, proseguono incessantemente la serie di intensi controlli, di polizia economico finanziaria, in mare e lungo la fascia costiera della provincia di Bari.In particolare i finanzieri hanno segnalato all'Autorità Giudiziaria i responsabili di due centri di depurazione di mitili per aver sorpreso due soggetti intenti a scongelare un grosso quantitativo di prodotto ittico in un luogo non autorizzato, utilizzando acqua di mare. I quasi trentacinque chilogrammi di pesce sequestrato, a seguito dell'intervento del personale medico veterinario dell'A.S.L. della Provincia BAT, veniva giudicato non idoneo al consumo umano.

Durante alcuni controlli in mare si è potuto rilevare che alcuni pescatori, non autorizzati e con attrezzatura non consentita, erano intenti in una battuta di pesca subacquea del riccio di mare, avendone catturati circa settecento esemplari, nella quasi totalità in misura ridotta a quella consentita dalle vigenti normative. Inevitabile il sequestro ed il ritorno alla libertà degli echinodermi in quanto ancora vivi.

Nei prossimi giorni, proseguirà ancor più intensamente, l'attività della Stazione Navale di Bari per la tutela dell'ambiente marino, del patrimonio ittico e degli onesti operatori di settore.
In altre distinte operazioni sono state verbalizzate:
due persone a bordo di unità da diporto per violazioni alle norme che disciplinano la tenuta dei previsti documenti; due soggetti per violazioni alle norme sulle dotazioni di sicurezza; due soggetti per violazione al codice della navigazione ed infine un soggetto che trasportava a bordo di un automezzo kg.6 (sei) di prodotto ittico della specie "seppie" in assenza della necessaria documentazione igienico sanitaria attestante la rintracciabilità del prodotto che successivamente è stato posto sotto sequestro.

L'impagabile attività della Stazione Navale di Bari, ha portato, nel porto del capoluogo barese, alla scoperta di un'area demaniale, interessata dall'abbandono di pneumatici fuori uso comunemente utilizzati da camion e autovetture. Inevitabile il sequestro dell'area interessata pari a circa 30 mq.
  • Guardia di Finanza
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Frode alimentare
Altri contenuti a tema
La Finanza di Barletta sequestra oltre 138mila prodotti non sicuri La Finanza di Barletta sequestra oltre 138mila prodotti non sicuri L'esito dell'operazione a tutela della sicurezza dei consumatori
Maxi truffa su bonus edilizi, interviene la Finanza di Barletta: quattro arresti Maxi truffa su bonus edilizi, interviene la Finanza di Barletta: quattro arresti Eseguito sequestro pari a circa 2 milioni di euro
Le consigliere di parità della provincia Bat: «Solidarietà a Raffaella Piccolo» Le consigliere di parità della provincia Bat: «Solidarietà a Raffaella Piccolo» La nota di Rosa D'Alterio e Maddalena Petronelli
Estorsione ai danni di un imprenditore barlettano, arrestato pluripregiudicato Estorsione ai danni di un imprenditore barlettano, arrestato pluripregiudicato Le indagini delle Fiamme gialle hanno consentito di documentare gli incontri tra la vittima e l’estorsore
5 Sequestrati oltre 55mila litri di carburante nel porto di Barletta Sequestrati oltre 55mila litri di carburante nel porto di Barletta Controllati due mezzi al varco doganale: maggiori controlli in vista del G7
Consiglio provinciale, assegnate le deleghe di supporto a Lodispoto Consiglio provinciale, assegnate le deleghe di supporto a Lodispoto L'andriese Lorenzo Marchio Rossi e lo spinazzolese Di Noia i vice-presidenti
Movida sicura, un venerdì sera di controlli straordinari a Barletta Movida sicura, un venerdì sera di controlli straordinari a Barletta Azione congiunta di Polizia di Stato, Polizia locale e Guardia di Finanza
1 Contrasto al mercato nero dei ricambi auto, illustrata l’operazione congiunta di Polizia e Finanza Contrasto al mercato nero dei ricambi auto, illustrata l’operazione congiunta di Polizia e Finanza Numerosi i controlli effettuati nella Bat: nel mirino delle forze dell’ordine sono finite in particolare due attività andriesi e una di Barletta
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.