Parigi. Con il direttore cinematografico Jack Garfein (deportato 15enne a Maerzbachtal, ha salvato il canto Zi Is Mein Herz)
Parigi. Con il direttore cinematografico Jack Garfein (deportato 15enne a Maerzbachtal, ha salvato il canto Zi Is Mein Herz)
Attualità

Quando la musica ha salvato il mondo dalla guerra, ieri come oggi

L'intervista a Francesco Lotoro dopo la pubblicazione del suo libro "Un canto salverà il mondo"

Francesco Lotoro, pianista, musicista, professore e autore del libro "Un canto salverà il mondo", pubblicato da Feltrinelli il 20 gennaio 2022. Esattamente 14 giorni dopo la sua pubblicazione, si è ritornati a parlare di guerra nel mondo. Si tratta di una guerra differente ma sempre di orrori e crimini storici si tratta.
Un'altra macchia nera ha inquinato la Storia dell'Umanità.

Quello di cui ci parla Lotoro è una rilettura umana in cui la musica è salvatrice e conservatrice di un testamento capace di superare ogni limite spaziale e temporale e giungere ai posteri. Ha raccolto i suoni, le musiche i canti corali e solitari creati nei treni o nei Campi di internamento, concentramento, sterminio e di prigionia militare, in tutti quei luoghi in cui la consapevolezza che la vita stesse pian piano sfuggendo, era ormai forte.

«La musica è capace di dare logica ai paradossi, nella musica nulla è più reale dell'utopia» dice.

È sempre più difficile rimanere umani durante una guerra, di conseguenza – secondo il pianista – è difficile anche praticare musica. Creare musica, suonare, cantare durante la Seconda Guerra Mondiale ha letteralmente preservato il genere umano.

«Non avevano denaro con sé, beni o case, potevano lasciare in eredità soltanto la musica. È stato un meccanismo di conservazione delle energie. I musicisti dai posti più disparati del mondo hanno voluto consegnarci questo testamento musicale. Oggi il nostro compito è quello di trasferire tale patrimonio musicale dalla sfera della Memoria a quella della Letteratura».

Prosegue il tour del suo libro, accolto con tanta curiosità dai giovani e adulti perché, come spiega Lotoro:

«La musica è un pretesto per parlare dei fatti antecedenti, contestuali e successivi alla Seconda Guerra Mondiale, cercando di estrarre attraverso le maglie della prigionia e della deportazione civile e militare la vita l'ingegno, la creatività. Perché la musica è la sintesi perfetta di cuore e intelletto. Se cuore e intelletto vengono messi a dura prova come accaduto in Lager e Gulag, la musica miracolosamente si rinforza nei propri linguaggi e nelle proprie strutture».

Infine, una domanda al pianista sulla guerra che si sta combattendo.
7 fotoFrancesco Lotoro
Amburgo. Con Esther Bejarano (fisarmonicista dell'orchestra femminile di Birkenau)Analizzando manoscritti musicali al Terezin Museum 2Berto Boccosi, altra pagina del quaderno di Saida (abbozzo dell'opera La Lettera Scarlatta)Beniaminow, il musicista Arturo Coppola Š sdraiato al centro e guarda la fotocamera (archivio Giancarlo Coppola Treviso)Kiriat Ono (Israele). Lotoro con Aviva Bar-onNetser Sereni (ISR), con Hilde ZimcheParigi. Con il direttore cinematografico Jack Garfein (deportato 15enne a Maerzbachtal, ha salvato il canto Zi Is Mein Herz)

Questa volta la musica salverà il mondo?

«In questi giorni di conflitto, uomini e donne ucraine hanno tenuto concerti in Kyiv e Odessa assediate, hanno suonato nei bunker, in alcuni casi il loro canto corale ha fermato i tanks russi. Che la musica salvi il mondo non deve essere soltanto un bell'esercizio di retorica; come afferma lo scrittore Nick Hornby, la musica ha il potere di condurti nel medesimo momento indietro e avanti nel tempo, così che tu provi contemporaneamente nostalgia e speranza.

Ciò spinge l'uomo a far musica quando avverte il pericolo e l'angoscia di pensieri di morte che scorrono sullo schermo dell'esistenza come ombre di un teatro cinese. Una guerra finisce quando gli uomini ritrovano il coraggio di guardarsi negli occhi; sino a ieri russi e ucraini erano più che popoli fratelli, le loro lingue sono simili, tanti ucraini parlano il russo come prima lingua e sono sposati con cittadini russi, per noi musicisti, Russia e Ucraina restano un'unica realtà fatta di grandi compositori, pianisti e violinisti nati a Kyiv o Kharkiv e cresciuti artisticamente a Mosca o Leningrado (oggi San Pietroburgo).

Ciò addolora profondamente un musicista prima ancora di ogni altra considerazione sul conflitto. Se la musica salva veramente il mondo, questa è forse la più importante occasione per dimostrarlo».
  • Francesco Lotoro
Altri contenuti a tema
Il pianista barlettano a Chi l'ha visto: «Aiutatemi a trovare queste persone» Il pianista barlettano a Chi l'ha visto: «Aiutatemi a trovare queste persone» Francesco Lotoro cerca i familiari dei musicisti detenuti nei lager
Papa Francesco riceve il pianista barlettano Francesco Lotoro Papa Francesco riceve il pianista barlettano Francesco Lotoro Durante l'incontro si è discusso della cittadella della musica concentrazionaria che sorgerà in città
Francesco Lotoro in giro per il mondo con il suo canto Francesco Lotoro in giro per il mondo con il suo canto «Forse non salvava la vita, ma sicuramente questa musica salverà noi​»
1 Il libro del barlettano Francesco Lotoro sulla musica nei campi di concentramento Il libro del barlettano Francesco Lotoro sulla musica nei campi di concentramento "Un canto salverà il mondo" è in uscita il 20 gennaio
1 Barletta celebra la cultura ebraica: «Dalla Puglia è nata l’Europa ebraica» Barletta celebra la cultura ebraica: «Dalla Puglia è nata l’Europa ebraica» Si è conclusa ieri la due giorni di eventi della XXI edizione della giornata europea della cultura ebraica
2 Barletta agli Emmy Awards con la musica concentrazionaria di Francesco Lotoro Barletta agli Emmy Awards con la musica concentrazionaria di Francesco Lotoro Il documentario girato in città dalla CBS candidato nella categoria "Outstanding Arts, Culture and Entertainment"
Barletta con il maestro Lotoro in onda sulla CBS Barletta con il maestro Lotoro in onda sulla CBS Nella trasmissione “60 Minutes” si parlerà della Cittadella della Musica Concentrazionaria
Il maestro barlettano Lotoro in concerto al teatro Apollo di Lecce Il maestro barlettano Lotoro in concerto al teatro Apollo di Lecce Sono in programma musiche scritte e cantate da artiste deportate nei lager tedeschi e gulag russi
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.