Corso Vittorio Emanuele
Corso Vittorio Emanuele
Viva

Come vedono Barletta i barlettani?

Bagnata dal mar Adriatico, dall'Ofanto e dai canaloni. L'economia? Sostenuta dalle pizzerie e dagli elettori

Immaginatevi di sfogliare un enciclopedia, e cercare la voce "Barletta" ovvero cosa dicono gli abitanti di loro stessi e della propria città.

Dal punto di vista geografico, Barletta è bagnata dal Mar Adriatico, dal fiume Ofanto e dai canaloni. Il territorio non presenta rilievi montuosi, mentre è ricca di laghi specie quando piove.

Gli abitanti discendono da un antica popolazione di democristiani; dal punto di vista storico non vi sono fatti significativi da registrare fino al XVI secolo acciocchè Barletta entrò nella storia (precisamente il 13 Febbraio 1503) grazie ad una sfida a multipla tenzone tra francesi e italiani. La sfida procedette in parità fino alla fine dei tempi supplementari e si decise ai calci di rigore. Decisiva fu l'ultima tornata di tiri, con il gol del centravanti italiano Ettore Fieramosca e l'errore dal dischetto del francese La Motte. Non sono pervenute testimonianze di testate verso i cavalieri francesi.

La città gode di diversi luoghi di interesse, tra questi il grande litorale, diviso tra Ponente e Levante dal porto commerciale dove è possibile ammirare distese interminabili di auto coperte da fogli di giornale, al cui interno vi sono coppiette di giovani che parlano del più e del meno, a dispetto di chi sta sempre a pensare male. Gli anziani giocano a "mediatore" in attesa dell'alba, una metafora del lavoro nei campi; inoltre la veemenza che ci mettono è identica a quella che troveremmo tra i tendoni.

Inoltre è possibile ammirare il Castello Svevo. In tempi antichi fu denominato U'Castid: ultimamente questo nome è stato cambiato per usufruire della sponsorizzazione di una nota marca di acqua minerale. Di recente infatti, un altro sponsor meno affabile sta cercando di nominarlo come aragonese: ci informeremo al settore marketing. Saltando di palo in frasca, per molti Eraclio la cui statua è possibile ammirare nelle vie del centro altro non è che l'effige di un campione incontrastato di bocce degli anni '90 dell'oratorio di S.Filippo Neri. Il colosso infatti fu battuto solo una volta, e da allora rimase impietrito.

La Cattedrale è il posto più rinomato della città, qui servono degli ottimi caffè.

L'economia della città poggia le proprie basi per il 90% su pub e pizzerie, e il restante 10% sugli introiti degli elettori, infatti un'altra professione che negli ultimi anni si è diffusa a Barletta è proprio quella dell'elettore, un lavoro che ti occupa un giorno ogni quattro anni.

Tra gli sport più diffusi, oltre al calcio e al fantacalcio, troviamo il candidarsi al consiglio comunale. Tanti i campioni. Tra le attività cittadine possibili ci sono cose interessanti quali andar per strada sorseggiando una Peroni. Barletta infine è la cittadina con il tasso glicemico più alto del mondo, infatti abbiamo un dolce per ogni festività, e quindi: "i càrtddt" a natale, "a scàrcid" a pasqua, e chi più ne ha più ne mangi.

L'estrosa descrizione della nostra città vista dai barlettani, è liberamente ispirata a quella presente sul sito nonciclopedia.wikia.com/Barletta.
  • Disfida di Barletta
  • Barlettanità
Altri contenuti a tema
Istituita con legge regionale n. 3/2024 la Fondazione Disfida di Barletta Istituita con legge regionale n. 3/2024 la Fondazione Disfida di Barletta Emiliano: «L’istituzione della Fondazione della Disfida di Barletta darà un rinnovato impulso alle attività della Rievocazione Storica»
Domenica 18 febbraio il corteo per il 521° anniversario della Disfida di Barletta Domenica 18 febbraio il corteo per il 521° anniversario della Disfida di Barletta Tutti i divieti temporanei per consentire il passaggio dei figuranti
La Disfida di Barletta e la storia del suo monumento La Disfida di Barletta e la storia del suo monumento Il racconto dell'archivista di Stato Michele Grimaldi
5 Omaggio alla Disfida con una camminata all'Epitaffio in contrada Sant'Elia Omaggio alla Disfida con una camminata all'Epitaffio in contrada Sant'Elia Successo (nonostante il tempo incerto) per l'iniziativa promossa dagli "Amici del Cammino"
Disfida di Barletta, gli eventi in programma per il 521° anniversario Disfida di Barletta, gli eventi in programma per il 521° anniversario Gli eventi promossi dall'amministrazione comunale
"Il Cammino dei Cavalieri", l'11 febbraio raduno all'Epitaffio della Disfida "Il Cammino dei Cavalieri", l'11 febbraio raduno all'Epitaffio della Disfida L'iniziativa promossa dagli "Amici del Cammino" per l'anniversario della sfida
Istituita la Fondazione della Disfida di Barletta Istituita la Fondazione della Disfida di Barletta Via libera del consiglio regionale, la nota del capogruppo di "CON" Giuseppe Tupputi
Con l'amore per la Disfida di Barletta: è scomparso Gino Vitrani Con l'amore per la Disfida di Barletta: è scomparso Gino Vitrani Aveva animato tante iniziative legate alla rievocazione. Oggi i funerali
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.