Cattedrale di Barletta
Cattedrale di Barletta
Religioni

Barletta celebra la consacrazione monastica di Suor Celeste Bramé

Il rito si svolgerà il prossimo 31 ottobre presso la Basilica Concattedrale di Santa Maria Maggiore

La comunità benedettina del Monastero di San Ruggero annuncia la "consacrazione monastica" nella Chiesa e per la Chiesa di Sr. Celeste Bramé del Sacro Cuore di Gesù. Il rito di consacrazione avrà luogo il 31 ottobre 2020, a Barletta, alle ore 10.00, presso la Basilica Concattedrale di Santa Maria Maggiore, durante la solenne celebrazione eucaristica presieduta dall'Arcivescovo Mons. Leonardo D'Ascenzo.

Sr Celeste del Sacro Cuore di Gesù (Ester Bramé) è nata quasi 40 anni fa a Bruxelles da genitori italiani trasferitisi in Belgio per lavoro. È la prima di 7 figli di cui il quinto è salito al cielo dopo pochi giorni di vita per una malformazione congenita. È entrata nel monastero Benedettino di Santa Maria delle Rose a Sant'Angelo in Pontano nell'aprile del 2013 e quattro anni e mezzo dopo sua sorella Sr Rachele (la secondogenita); nello stesso Monastero ha iniziato il noviziato il 10 maggio 2014 ed emesso la Professione Temporanea il 3 ottobre 2015.

Si è trasferita nella Fondazione di Barletta nell'agosto del 2016 a seguito del terremoto che ha reso inagibile il Monastero di Sant'Angelo in Pontano; con l'erezione Canonica del Monastero delle Benedettine di San Ruggero del 2 febbraio 2017 è entrata definitivamente a far parte della nuova Comunità Monastica di Barletta.

I suoi studi: dopo le Scuole superiori ha conseguito la laurea in Infermieristica e concluso la scuola di Ostetrica e ha lavorato per diversi anni in diversi reparti ospedalieri, un breve periodo di in Africa (Dakar) e anche come infermiera nello stabilimento di produzione della Audi a Bruxelles. Parla agevolmente italiano, fiammingo, francese e inglese e ha un discreto accento romano poiché trascorreva spesso le vacanze a Roma coi nonni!

«I suoi genitori - afferma Madre Anna Lucia Tonelli, Abbadessa del Monastero - le hanno trasmesso, fin da bambina, la loro fede cristiana profondamente radicata in Cristo. Dopo un periodo di grande ribellione e resistenza al richiamo della voce di Dio, si è finalmente lasciata sedurre dal suo amore misericordioso, scoprendo che Dio Padre l'amava così come era. Dio le ha ridonato il gusto per la vita che lei aveva scialacquato per andare dietro tanti falsi ideali e numerosi inganni. Grazie alla testimonianza di sua sorella in monastero e le numerose preghiere dei suoi cari, dopo un lungo periodo di discernimento, ha donato la sua vita totalmente a Cristo per la profonda gratitudine generata dal Suo amore incondizionato per lei».
  • Religione
Altri contenuti a tema
25 aprile: festeggiamenti per la Madonna di Canne e S.Ruggero Vescovo 25 aprile: festeggiamenti per la Madonna di Canne e S.Ruggero Vescovo Si terrà la messa dalle ore 11.00 alle ore 12.00 a cui seguirà la processione con le effigi
Le donazioni dell'Arciconfraternita del Santo Legno della Croce di Barletta Le donazioni dell'Arciconfraternita del Santo Legno della Croce di Barletta Le iniziative in vista dell'Immacolata e del Santo Natale
Fra Gianluca Catapano diventerà sacerdote: la celebrazione a Barletta Fra Gianluca Catapano diventerà sacerdote: la celebrazione a Barletta Si terrà domenica con la presenza di Mons.Leonardo D’Ascenzo
Cerimonia per commemorare i defunti nella mattinata del 2 novembre Cerimonia per commemorare i defunti nella mattinata del 2 novembre Il 4 novembre si terrà la giornata dell’Unità nazionale e delle Forze Armate
31 A Barletta il battesimo dei Testimoni di Geova avviene in mare A Barletta il battesimo dei Testimoni di Geova avviene in mare La cerimonia della comunità barlettana si è svolta sul lungomare Mennea
Don Ruggero Caputo, presto sarà reso pubblico il decreto di Venerabilità Don Ruggero Caputo, presto sarà reso pubblico il decreto di Venerabilità Il documento è stato ritirato questa mattina dal cardinale Monterisi
Padre Antonio Dibenedetto, è scomparso nel casertano il sacerdote di Barletta Padre Antonio Dibenedetto, è scomparso nel casertano il sacerdote di Barletta Tornava quando possibile nella sua città natale. Immancabile la sua visita alla Parrocchia S. Agostino
Le meraviglie di Santa Lucia, ieri e oggi e il legame tra Barletta e Venezia Le meraviglie di Santa Lucia, ieri e oggi e il legame tra Barletta e Venezia Il contributo del dott. Nicola Palmitessa del centro studi La Cittadella Innova
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.