Smog
Smog
La città

Barletta a piedi. Una necessità

Invito a chiarimenti per i prossimi candidati. Respirabilità dell'aria, ZTL, centralina di via Canosa

Sicuramente tra gli argomenti su cui i barlettani vorrebbero che il prossimo sindaco, eletto nelle Amministrative del 26 e 27 maggio, torni a occuparsi siano le questioni fondamentali come la salute pubblica, alla cui responsabilità è legata la carica di Sindaco come sancito dalla Costituzione della Repubblica Italiana, soprattutto per quanto concerne la respirabilità dell'aria e la sicurezza dei pedoni a godere degli spazi pubblici.

In particolare vorremmo tornare su una questione da molti discussa e promessa in passato: le aree pedonali e zone a traffico limitato. In passato appena veniva affrontata la questione, vi erano categorie di cittadini, soprattutto commercianti che si sono opposte, ritenendo che le zone pedonali danneggino i loro affari. Esperienze di molte città del Nord-Italia, qualcuna del Mezzogiorno, molto vicina come Bari, e straordinarie città dell'estero, che grazie al cielo e alle compagnie aeree low cost, un po' a tutti capita di visitare e apprezzare, ci dimostrerebbero il contrario.

Ma oltre all'aspetto estetico ed affaristico, bisogna pensare, come si diceva alla salubrità dell'aria. Proprio di questi giorni è la notizia della dismissione della centralina dell'ARPA per la rilevazione del contenuto dell'aria, in via Canosa. Questa ha superato i limiti consentiti proprio per sostanze provenienti dai gas di scarico delle automobili. In una città molto trafficata, con un'alta concentrazione di automobili per famiglia, con un aumento delle malattie respiratorie, credo che sia utile che ci sia chiarezza su questi punti da parte di chi si candida a governare Barletta.

E poi il problema riguarda anche la sicurezza per pedoni e automobilisti, disabili o mamme con passeggini. Chiaramente ulteriore impegno è richiesto anche alla Polizia Municipale, sorvegliando e garantendo tali aree. Del resto, che i barlettani apprezzino camminare lo dimostra il fatto che le aree (poche) a traffico limitato diventano subito frequentatissime; o anche la fiumana di gente che ha partecipato alle rare esperienze di 'domeniche a piedi'. A proposito di queste, alcuni amministratori avevano ipotizzato di renderle un appuntamento fisso, almeno mensile. Ma anche allargare spazi e orari delle isole pedonali, creare percorsi sicuri per accompagnare i bambini a scuola a piedi.

Le idee sarebbero tante, ma la palla passerà alla prossima Amministrazione di qualunque colore essa sia; dunque sarebbe corretto conoscere impegni chiari e concreti su questo tema fin da ora.
  • Inquinamento
  • Vigili urbani
  • ARPA
  • Zona pedonale
Altri contenuti a tema
Chiariello: «Dati non pubblicati su sito Arpa Puglia, Cannito e D'Alba chiariscano» Chiariello: «Dati non pubblicati su sito Arpa Puglia, Cannito e D'Alba chiariscano» «Polveri sottili in una zona dove insediamento industriale e residenziale sono un’unica cosa»
Sciame di api in via III novembre Sciame di api in via III novembre Intervento della polizia locale e dell'ufficio ambiente
Consegnati gli attestati ai mini vigili Consegnati gli attestati ai mini vigili Cerimonia questa mattina a Palazzo di Città
12 Sostanze biancastre su  acque marine, in corso analisi Arpa Sostanze biancastre su acque marine, in corso analisi Arpa La nota del sindaco Cosimo Cannito
10 Sversamenti in mare a Ponente, attese le analisi dell’Arpa Puglia Sversamenti in mare a Ponente, attese le analisi dell’Arpa Puglia Ieri pomeriggio la segnalazione del sub ambientalista Binetti
Smog e inquinamento, a Barletta che aria tira? Smog e inquinamento, a Barletta che aria tira? Nel report "Mal'aria di città" pubblicato da Legambiente i dati sulla nostra città
"Mini-vigili", ecco la quattordicesima edizione del corso "Mini-vigili", ecco la quattordicesima edizione del corso Presentazione nell'Aula di Infromatica dell'Istituto Comprensivo Statale “Mennea-Baldacchini-Manzoni”
Incendio ex mattatoio: dati ARPA bloccati dalla Procura Incendio ex mattatoio: dati ARPA bloccati dalla Procura Le rilevazioni sono state eseguite ma non possono essere divulgate
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.