Anziani
Anziani
Servizi sociali

Anziani senza energia elettrica in casa da mesi, aiutati dai volontari della Caritas Barletta

Due casi di "barbonismo domestico" scoperti a Barletta nei giorni scorsi

Si definisce "barbonismo domestico": è un fenomeno silenzioso ma preoccupante che riguarda l'isolamento sociale di chi - anziano o giovane - vive esattamente come un barbone, ma dentro la propria abitazione. Affianco al cosiddetto hikikomori, altro fenomeno sociale che si è diffuso dai tempi della pandemia tra i giovani, è una piaga sociale che passa inosservata e per questo motivo diventa ancor più pericolosa.

Tuttavia enti benefici come la Caritas di Barletta cercano di porre sempre una specifica attenzione anche a casi di questo genere, come accaduto proprio a Barletta nei giorni scorsi.

«I volontari Caritas invitano a sconfiggere l'egoismo e a prendersi cura dell'Altro intercettando il disagio come sentinelle silenziose. La pandemia, complice anche i continui rincari, l'impossibilità di arrivare a fine mese, ma soprattutto la solitudine il dimenticarsi del vicino questi i veri mali della nostra società» scrive il direttore Caritas Lorenzo Chieppa.

«In due distinti interventi curati dai volontari Caritas Barletta, vere sentinelle della solidarietà, hanno permesso di far emergere due fenomeni di "barbonismo domestico", una piaga che interessa non solo anziani, ma anche giovani affetti da disagi e patologie della persona e questo è accaduto a Barletta, in pieno centro a poche centinaia di metri uno dall'altro.

In un caso due anziani vivevano senza energia elettrica da mesi, tanto da richiedere il pronto intervento alimentare a cura della nostra mensa in Via Cialdini, con la veicolazione dei pasti a domicilio. Nell'altro lo stato di degrado ambientale era tale da richiedere l'intervento dei Servizi Sociali del Comune, che con i nostri volontari si sono resi subito partecipi e prodighi a trovare una soluzione.

Questi racconti forse dovrebbero essere sottaciuti per senso di vergogna - evidenzia Chieppa - noi crediamo invece che debbano essere partecipati anzi attenzionati, per sviluppare una rete sociale ma soprattutto educativa rispettosa dell'altro, perché queste sono le buone pratiche e compito dei volontari Caritas è raccogliere queste istanze, come sentinelle attente e silenziose sul territorio».
  • Caritas
Altri contenuti a tema
Anche a Barletta la Giornata mondiale dei poveri Anche a Barletta la Giornata mondiale dei poveri L'elenco degli eventi organizzati da Caritas
Amore e solidarietà, così gli sposi di Barletta condividono le nozze con la Caritas Amore e solidarietà, così gli sposi di Barletta condividono le nozze con la Caritas Ben 150 coperti donati ai bisognosi nel giorno del loro matrimonio
Cena en blanc e solidarietà, donati alla Caritas di Bisceglie alimenti di prima necessità Cena en blanc e solidarietà, donati alla Caritas di Bisceglie alimenti di prima necessità Libri nel Borgo Antico, premiato come tavolo più numeroso dell'evento, ha consegnato la merce marchiata Master Coop Alleanza 3.0 Tatò Paride spa
Unità di Strada, Caritas Barletta al fianco dei braccianti stagionali Unità di Strada, Caritas Barletta al fianco dei braccianti stagionali Azioni di informazione e ascolto per avvicinare chi ha bisogno alla mensa e ai dormitori
Caritas Barletta si prepara ad accogliere i braccianti extracomunitari Caritas Barletta si prepara ad accogliere i braccianti extracomunitari In questi mesi sono stati impegnati nel taglio dell'uva nelle campagne
La Caritas di Barletta al fianco dei più bisognosi anche durante la festa patronale La Caritas di Barletta al fianco dei più bisognosi anche durante la festa patronale Le parole dei volontari
Chiusura hub vaccinale, i ringraziamenti di Caritas Barletta Chiusura hub vaccinale, i ringraziamenti di Caritas Barletta «È stata garantita copertura vaccinale ad oltre 1.200 tra senza tetto, ambulanti e cosiddetti "invisibili"»
Emergenza Ucraina, dalla Caritas le indicazioni per l'accoglienza Emergenza Ucraina, dalla Caritas le indicazioni per l'accoglienza «Bisogna far fronte ai bisogni immediati, ma anche dare ascolto e sostegno psicologico alla popolazione sconvolta dalla follia della guerra»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.