Treno regionale
Treno regionale

«Non è stato né un suicidio, né un tentativo, solo accidentalità»

La testimonianza di una nostra lettrice-pendolare

Salve Redazione,
pur apprezzando la vostra prontezza nel segnalare il disservizio di Trenitalia, avvenuto ieri intorno alle 18, voglio chiarire alcune cose viste con i miei occhi e sentite con le mie orecchie. Ero sul treno regionale Bari-Foggia delle 18.10; il treno non parte e, solo dopo dieci minuti si sente parlare dell'investimento di un ragazzo, nei pressi della stazione di Bari Santo Spirito. Cominciano gli andirivieni di ragazzi desiderosi di tornare a casa: salgono sul treno delle 18.34 diretto a Barletta, poi tornano su quello delle 18.10 perché capiscono che è quello avente la precedenza su tutti a partire. Le domande ai controllori sono numerose: questi assicurano che il ragazzo è salvo ma non riescono a quantificare il tempo dei disagi, e intanto i treni ritardano di minuti imprecisati, il Mola-Molfetta viene cancellato, del bus sostitutivo manco l'ombra e la stazione centrale di Bari diventa un caos. Gente che sbuffa, corre, bestemmia l'ipotetico ragazzo buttatosi e cominciano le paternali del tipo: «Ai ragazzi di oggi puzza la vita, non si sanno accontentare di quello che hanno, sono egoisti, menefreghisti…questi controllori che stanno a fare, io voglio tornare a casa» e altre lamentale legittime e non.

La circolazione viene ripristinata dopo un'abbondante mezz'ora, il treno parte alle 18.42 e, tornata a Barletta, apprendo che non è stato né un suicidio, né un tentativo, ma una pura accidentalità. Non un ragazzo, non una sopravvivenza, bensì la morte di una donna 51enne, dipendente della Rfi. La fatalità sarebbe accaduta intorno alle 17.30 quando, scendendo alla stazione di Bari S.S., la donna ha continuato a camminare sui binari ed è stata travolta dalla parte aggettante del convoglio in questione. Pur di ricondurre il tutto a un suicidio, si è cercato di interpretare (forzatamente) che la vittima abbia voluto farla finita in memoria del suo defunto marito, vittima nel 1991 durante un incidente ferroviario.

Ecco cosa viviamo, leggiamo e ascoltiamo quotidianamente: tante incertezze! La vita, le intenzioni, le dinamiche e i fatti riportati su un giornale non sono altro che vaghezze, sulle quali purtroppo ci ritroviamo a fondare i nostri dialoghi con gli altri e la nostra conoscenza.

Rita
  • Trenitalia
  • Stazione ferroviaria
Altri contenuti a tema
Treni, anche a Barletta modifiche alla circolazione ferroviaria dal 3 al 17 marzo Treni, anche a Barletta modifiche alla circolazione ferroviaria dal 3 al 17 marzo Previsti lavori straordinari nella stazione di Polignano a Mare
La Barletta-Bari tra le linee ferroviarie peggiori in Italia La Barletta-Bari tra le linee ferroviarie peggiori in Italia Lo stabilisce il Rapporto Pendolaria di Legambiente
16 «Stazione di Barletta vietata ai disabili, chiesti a RFI i tempi della realizzazione dell’ascensore sul primo binario» «Stazione di Barletta vietata ai disabili, chiesti a RFI i tempi della realizzazione dell’ascensore sul primo binario» La nota della parlamentare di Fratelli d'Italia, Mariangela Matera
Richiedenti asilo sui binari: ancora disagi per i pendolari di Barletta Richiedenti asilo sui binari: ancora disagi per i pendolari di Barletta Situazione in evoluzione. Ritardi di mezz'ora
Migranti sui binari. I sindacati scrivono al Prefetto di Bari Migranti sui binari. I sindacati scrivono al Prefetto di Bari Disagi costanti per i pendolari di Barletta lungo la linea ferroviaria adriatica
Ritardi e soppressioni: ancora disagi per i pendolari di Barletta Ritardi e soppressioni: ancora disagi per i pendolari di Barletta Circolazione rallentata dalle 14.40 del 12 dicembre per presenza di persone non autorizzate lungo la tratta adriatica
Gruppo FS, oggi sciopero nazionale dei treni anche a Barletta Gruppo FS, oggi sciopero nazionale dei treni anche a Barletta Possibili ripercussioni sulla circolazione ferroviaria
Operazione "Stazioni Sicure", controlli della Polizia di Stato a Barletta Operazione "Stazioni Sicure", controlli della Polizia di Stato a Barletta L'intervento è stato effettuato nelle maggiori stazioni ferroviarie di Puglia, Basilicata e Molise
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.