Barletta Calcio
Barletta Calcio
Calcio

La terra laziale è dolce per il Barletta Calcio

Pareggia Muwana, di Shiba il gol della vittoria biancorossa

Isola del Liri - Il Barletta si riscopre cinico e mette a segno un successo che spiana la strada verso la salvezza proponendo nuovi ed interessanti scenari per la società. Non è stato facile prevalere sulla squadra guidata da mister Grossi, determinata e molto fisica. A decidere è stata la prima rete in campionato di Henri Shiba, vittima di mille sventure. Per lui rosso diretto dopo la sua esultanza spropositata, figlia della sfortuna che si è abbattuta su di lui ma anche della gioia per aver determinato la conquista questa importante vittoria.

Grossi deve rinunciare a Federici e La Rocca, squalificati. I due vengono sostituiti rispettivamente da Bianchini e Sperati. Sciannimanico inserisce Menicozzo in mezzo al campo. In avanti Simoncelli è preferito all'acciaccato Fanasca. Recuperato in extremis Carozza. Il Barletta sembra controllare le sorti del match nelle prime battute. I biancorossi, in tenuta blu, hanno controllato il gioco con le loro doti di palleggio, ma a calciare verso la porta avversaria sono i padroni di casa. In sei minuti Di Masi è costretto a tre parate su altrettante occasioni dei ciociari, senza però essere eccessivamente.

Al 10' l'Isola Liri passa in vantaggio sfruttando la supremazia dei primi minuti: lancio lungo a scavalcare la difesa ospite sull'out di destra, palla al centro e girata vincente di Bianchini. Il Barletta accusa il colpo. Passano i minuti e i ragazzi guidati da Sciannimanico, pur volenterosi, non riescono a produrre azioni degne di nota. L'Isola Liri, d'altro canto, prova a pungere con azioni di rimessa. La prima frazione di gioco si chiude con un'azione di Infantino con la palla che sorvola la traversa.

Nella ripresa in campo si presenta un Barletta decisamente più propositivo e determinato rispetto a quello della prima frazione di gioco. Biancorossi subito in avanti. Azioni degne di nota vengono da Carrozza e D'Allocco. Un minuto più tardi Sciannimanico prova a giocare la carta Shiba. L'attaccante prende il posto di Simoncelli. Intanto Sportillo rimedia il quarto giallo stagionale che gli costerà la squalifica.

Al 20' il Barletta usufruisce di un calcio di punizione dalla distanza di oltre venti metri. Sfera deviata in angolo. Sugli sviluppi del corner il pallone finisce nell'area di porta dove piomba il falco Muwana che trafigge il portiere ciociaro: seconda rete stagionale per il forte mediano franco-congolese.
Il Barletta ci crede e, trascinato da un Carozza in giornata di grazia, spinge alla ricerca del vantaggio. Al 28' è lo stesso Carozza ad accarezzare l'incrocio dei pali su calcio di punizione.

Al 29' giunge l'ennesima azione da manuale stagionale della banda barlettana. Carozza vede lo scatto di Shiba e lancia lungo in profondità tagliando. L'attaccante scocca un forte sinistro volante e la palla si insacca alla destra di Mangiapelo. Sono tanti i pensieri che invadono la mente di Shiba all'atto dell'esultanza. L'attaccante si toglie la maglia e si lascia andare ad un gesto che sa di sfogo contro la cattiva sorte e che non ha di certo alcun destinatario. L'arbitro lo ammonisce, ma poco più tardi l'assistente Felici di Ciampino invita lo stesso a tirare fuori il cartellino rosso. Espulsione che sa di beffa, ma in fin dei conti giusta e meritata. Il Barletta deve difendere il vantaggio per oltre un quarto d'ora in inferiorità numerica.

I padroni di casa premono. Al 36' Di Masi smanaccia in corner un ravvicinato colpo di testa di Paolacci. I laziali rischiano buttandosi in avanti ed esponendosi alle azioni di contropiede degli avversari. In pieno recupero Sciannimanico inserisce Rescio per Carozza e Romeo per D'Allocco. Quest'ultimo abbandona in campo troppo comodamente a giudizio del direttore di gara, che lo ammonisce. Essendo diffidato, l'ingenuo D'Allocco salterà la sfida interna con il Catanzaro al pari di Sportillo.

Finisce 2-1 per il Barletta. Il "Nazareth" si rivela terra di conquista per i biancorossi, vincitori anche lo scorso anno in terra laziale. Il successo porta Muwana e soci a +12 sulla quota salvezza e a -4 dalla zona play off. La squadra vola sulle ali dell'entusiasmo con la voglia di sempre in attesa dell'arrivo al "Puttilli" della capolista corazzata Catanzaro.
Isola Liri-Barletta 1-2

Isola Liri (4-3-2-1): Mangiapelo; Mallardi Mucciarelli Paolacci Sperati (dal 38' st Simonetta); Costanzo (dal 12' st Falco) Gennari D'Alessandro; Carboni Bussi (dal 27' st La Cava); Bianchini. A disp. Fiorini, Rogato, Matrisciano, Cirelli. All. Grossi

Barletta (4-3-1-2): Di Masi; Cutrupi Gambuzza Sportillo Legittimo; Menicozzo Muwana D'Allocco (dal 46' st Romeo); Carozza (dal 46' st Rescio); Infantino Simoncelli (dal 9' st Shiba). A disp. Vurchio, Marchetti, Manganaro, Fanasca. All. Sciannimanico

Arbitro: Penno di Nichelino

Reti: 10' pt Bianchini (I), 21' st Muwana (B), 29' st Shiba (B)

Note: presenti circa 1000 spettatori, di cui oltre 100 ospiti. Espulsi: al 30' st Shiba (B) per aver ecceduto nell'esultanza che ha fatto seguito alla rete realizzata. Ammoniti: Carboni (I), Bianchini (I), Menicozzo (B), Sportillo (B), D'Allocco (B), Shiba (B). Calci d'angolo: 3-2. Rec: 1' pt, 4'+1' st.
  • SS Barletta Calcio
  • Calcio
Altri contenuti a tema
Il giovane barlettano Cristian Tedesco firma con la SSC Bari Il giovane barlettano Cristian Tedesco firma con la SSC Bari Classe 2010, già capitano del Barletta Under 15, approda tra i professionisti
Il barlettano Angelo Gobbo firma con la Fiorentina Il barlettano Angelo Gobbo firma con la Fiorentina Il giovane, classe 2010, ha spiccato il volo firmando con l’under15 della Viola
Claudio Cassano veste ancora l'azzurro Claudio Cassano veste ancora l'azzurro Il talento barlettano classe 2003 convocato nella nazionale Under 20 del CT Bollini
1 Barletta-Matera 2-0. Finalmente tre punti. Finalmente una squadra Barletta-Matera 2-0. Finalmente tre punti. Finalmente una squadra Biancorossi vittoriosi dopo tre mesi di turbolenta agonia
Barletta in casa del Gallipoli con l’obbligo dei tre punti Barletta in casa del Gallipoli con l’obbligo dei tre punti Biancorossi a caccia di un successo che manca dal 12 novembre
Giuseppe Venanzio dal Barletta alla Fidelis Andria Giuseppe Venanzio dal Barletta alla Fidelis Andria Il classe 2005 barlettano lascia i biancorossi e si accasa ai federiciani
1 Claudio Cassano, il gioiello del calcio barlettano che gioca in serie B Claudio Cassano, il gioiello del calcio barlettano che gioca in serie B Intervista al numero 10 del Cittadella
Gol, gioco, Gravina battuto e quinto posto: Barletta ora dicci chi sei Gol, gioco, Gravina battuto e quinto posto: Barletta ora dicci chi sei Gialloblu murgiani battuti e zona playoff agganciata, ma il bello (o il brutto) arriva ora con gli scontri diretti
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.