Rebecca la prima moglie
Rebecca la prima moglie
La Finestra sul comò

"Rebecca, la prima moglie": il romanzo che Hitchcock catturò sullo schermo

Un intreccio di intrighi e passioni che si susseguiranno fino alla sconvolgente rivelazione finale

"Sognai l'altra notte che ritornavo a Manderley…" È questo l'incipit di uno dei romanzi più celebri della scrittrice inglese Daphne du Maurier. Un romanzo che è riuscito a far innamorare il Maestro del Brivido Alfred Hitchcock, tanto da portarlo sul grande schermo nel 1940, con gli attori Joan Fontaine e Lawrence Olivier.

Il libro a cui faccio riferimento è, ovviamente, "Rebecca la prima moglie" e racconta la vita di una giovane governante che sposa, dopo soli pochi giorni dal primo incontro, Maxim de Winter un affascinante vedovo padrone di Manderley, la dimora inglese in cui si sviluppa la tortuosa vicenda. Quando la giovane sposa arriva a Manderley si rende conto, fin da subito, che l'intero castello continua a vivere nel ricordo di Rebecca, la defunta moglie del suo sposo. Una presenza che aleggia giorno dopo giorno, e ora dopo ora, sulla coppia appena nata. Il nome della prima signora de Winter è sulla bocca di tutti, domina la scena, tanto da inglobare la figura, e i sentimenti, della nuova moglie condannata a trascorrere i suoi giorni da novella sposa in completa solitudine. Dall'altra parte abbiamo lo sposo, Maxim, che lotta drammaticamente per mettere fine al suo passato e per accettare finalmente il suo futuro, un futuro che potrebbe perdere ancor prima di averlo davvero conquistato. Un intreccio di intrighi e passioni che si susseguiranno fino alla sconvolgente rivelazione finale che ovviamente non posso, e non devo, spoilerare!

Una chicca però posso anche concederla a chi mi sta leggendo: per tutta la durata del romanzo il lettore non verrà mai a sapere il nome della protagonista principale, ovvero il nome della nuova signora de Winter. Una scelta ben meditata dalla scrittrice che tende a sottolineare, ancora una volta, come il perno della vicenda sia solo e soltanto Rebecca. Rebecca che è la più bella, la più intelligente, la più amata. Rebecca che è ovunque: nella sala, seduta allo scrittoio, nella sua camera da letto e soprattutto nei ricordi della governante del castello. Rebecca sempre e solo Rebecca. Leggete Rebecca la prima moglie, da questo romanzo noir non potrete rimanere delusi.


Giusy Marzocca
  • Cinema
  • La finestra sul comò
  • Libri
Altri contenuti a tema
Cinema e salute mentale, inizia oggi a Barletta il Festival dei Corti Cinema e salute mentale, inizia oggi a Barletta il Festival dei Corti Ecco il programma delle tre serate
Libri in Piazza Marina, primo appuntamento con “Madame Vitti” Libri in Piazza Marina, primo appuntamento con “Madame Vitti” È partita la quarta edizione della rassegna “Storie, libri e cucina in piazza Marina”
Cinque serate dedicate al cinema: si parte da Barletta Cinque serate dedicate al cinema: si parte da Barletta Si terranno dal 22 a 26 giugno, si parte dalla Multisala Paolillo
Incontri letterari: l'ultimo appuntamento domenica 19 giugno Incontri letterari: l'ultimo appuntamento domenica 19 giugno Ospite della serata sarà Alessia Nobile, autrice de "La bambina invisibile"
Il ritorno dello scrittore Luca Bianchini a Barletta Il ritorno dello scrittore Luca Bianchini a Barletta L’incontro si terrà martedì 7 Giugno alle ore 18:30 presso la Sala Comunità S. Antonio
Il Tranifilmfestival fa tappa a Barletta: ospiti Nico Cirasola e Antonello De Leo Il Tranifilmfestival fa tappa a Barletta: ospiti Nico Cirasola e Antonello De Leo Due appuntamenti per la nuova sezione “Director’s CuLt”
“Camei Pugliesi: Barletta”, presentazione in Sala Rossa “Camei Pugliesi: Barletta”, presentazione in Sala Rossa Mercoledì prossimo l'evento per conoscere il progetto di promozione territoriale
Il libro "Nessuno resti indietro" nelle scuole della Bat Il libro "Nessuno resti indietro" nelle scuole della Bat La decisione presa dopo l'incontro lo scorso 2 marzo
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.