Vittoria Titomanlio
Vittoria Titomanlio
Cara Barletta ti scrivo

Era di Barletta una delle 21 donne elette a far parte della Costituente

La storia della Festa della Repubblica vista dalla Provincia Barletta Andria Trani, nella ricostruzione di Michele Grimaldi

«Era il 2 giugno 1946 quando con un referendum a suffragio universale i cittadini italiani furono chiamati a scegliere tra Repubblica e Monarchia. Una data cruciale che, oltre a determinare uno stravolgimento dell'assetto dello Stato italiano, segnò il raggiungimento di una sofferta conquista: la prima volta al voto delle donne. Sono trascorsi 76 anni.

Tale ricorrenza dal particolare valore civile e simbolico, nonché i cambiamenti che hanno caratterizzato la contesa politica nella democrazia italiana nell'arco di questi decenni, come è facilmente comprensibile, riveste una particolarissima importanza.

Dovendo scegliere un modo non usuale di raccontare la storia della Repubblica italiana ho pensato di rapportarlo al territorio della Provincia Barletta Andria Trani guardando soprattutto al modo in cui si avvicinarono le componenti sociali a quell'importante appuntamento elettorale. Si può così vedere anche come, nella storia italiana, ci siano stati cambiamenti epocali che hanno comportato la scomparsa dalla scena politica dei partiti storici che avevano contribuito alla vita della Repubblica nei suoi primi anni.

Alla fine di maggio del 1946 c'erano ancora dappertutto case squarciate dai bombardamenti, gente ammucchiata in precari alloggi di coabitazione, famiglie in attesa degli ultimi militari prigionieri, campi inglesi e americani con la loro corte di piccoli traffici e malavita spicciola. I "nuovi" responsabili della cosa pubblica si preparavano ai compiti inediti della pace: ricostruire case e fabbriche, aiutare la gente più colpita, dare un senso nuovo a un paese uscito da venti anni di dittatura e da una guerra che aveva coinvolto, per la prima volta, i civili quanto gli eserciti. La campagna elettorale si faceva nelle strade, nelle piazze, nei mercati, nelle case chiedendo consiglio ai più anziani che avevano vissuto nell'Italia pre fascista e nei paesi del loro esilio ma soprattutto inventando modi e luoghi. Ma i principali protagonisti della campagna elettorale furono i giovani (servivano 21 anni per votare!), la presenza più visibile nelle manifestazioni con cartelli fatti a mano, bellissimi, con caricature, fotomontaggi, scritte fantasiose, bandiere, canzoni. Erano loro ad affiggere i manifesti con la colla casalinga, acqua e farina cucinate da madri compiacenti, a fare le scritte di vernice rossa o inchiostro da stampa, se c'era qualche tipografia amica. Erano loro a distribuire volantini, ad animare i dibattiti di strada e insegnare a votare. I simboli e gli slogan attaccati ai muri, i comizi, tutti gremiti, erano l'aspetto più vistoso e nuovo ma la propaganda vera era quella di migliaia di attivisti che giravano casa per casa e creavano momenti di discussione al mercato, in piazza, nei bar.

Al termine di quella contesa elettorale, non certo facile, la Puglia e Barletta in particolare, ebbe l'onore di esprimere una delle 21 donne elette a far parte della Costituente. Mi riferisco a Titomanlio Vittoria Anna Sterpeta.
Titomanlio VittoriaElezioni comunali JPG

Nata a Barletta in via Canosa al civico 20 alle due e venti del 22 aprile 1899 da Titomanlio Sabino, Ispettore Demaniale residente a Napoli ma a Barletta per lavoro e da De Boffe Carolina, visse i suoi primi anni nella Città della Disfida. Tornata a Napoli, dove svolgerà l'attività di maestra elementare e terminerà la sua esistenza a 89 anni il 28 dicembre 1988, viene eletta, in quel collegio, nel 1946 a 47 anni alla Costituente e poi il 3 giugno 1958 al Parlamento nel gruppo della Democrazia Cristiana sino al 15 maggio 1963. Durante quel mandato è componente della VIII Commissione Istruzione e Belle Arti, della XII Industria e Commercio ed infine della Commissione speciale per l'esame del disegno e delle proposte di legge concernenti provvedimenti per la Città di Napoli.

Oltre alla Costituente Vittoria Titomanlio, furono eletti alla Camera nel collegio Bari-Foggia, tra gli altri, Aldo Moro e il barlettano Vito Antonio Monterisi per la Democrazia Cristiana e Giuseppe Di Vittorio con Francesco Capacchione per il Fronte Democratico Popolare. Al Senato, nel collegio elettorale della Puglia, fecero il loro ingresso l'Ammiraglio barlettano Ferdinando Casardi e l'avvocato andriese Onofrio Jannuzzi, ambedue eletti nelle fila della D.C.

Nelle città dell'allora provincia di Bari, oggi Barletta Andria Trani, si svolsero, oltre alle consultazioni per l'individuazione dei rappresentanti alla Costituente e al Parlamento, anche le votazioni per l'elezione del primo Sindaco repubblicano.

Barletta presentò quattro liste e cioè la Democrazia Cristiana con capolista Isidoro Alvisi, eletto poi Sindaco, il Partito Comunista con Teodoro Giannone, il Partito Socialista con Giuseppe Giovanni Paparella e la lista civica con simbolo Ettore Fieramosca che abbatte La Motte, Ester Alinei. Ad Andria ci fu una lista in più per un totale di cinque. I capilista furono Carlo Chicco per la Democrazia Cristiana, Onofrio Jannuzzi, poi eletto al Senato, per una lista civica collegata alla Democrazia Cristiana, Vincenzo Carbonara per il Partito Socialista, Tommaso Giuffreda per un'altra lista civica e Carlo Antolini per il Partito Comunista, eletto primo Sindaco Repubblicano. Per Trani, infine, si ritorna a quattro liste e a guidarle furono Beniamino Ricco per la Democrazia Cristiana, Giacinto Francia, risultato poi Sindaco, per il Partito Socialista, Cesare Bianchi per una lista civica e Nicola Rasoli per un raggruppamento di ex combattenti.

Quindi a 72 anni di distanza, quel 1946 rappresenta, non solo un anniversario per il Paese e per il diritto al voto acquisito dalle donne, in termini di elettorato attivo e passivo, ma anche l'occasione per dare forte e rinvigorito impulso alla parità di genere sostanziale e non solo normativa tra uomini e donne, attraverso la promozione di azioni volte a eliminare le diseguaglianze in ambito sociale, lavorativo, politico e culturale».

Michele Grimaldi, Direttore Archivio di Stato di Bari Barletta e Trani
  • Festa della Repubblica
  • Archivio di Stato
Altri contenuti a tema
Festa della Repubblica: la celebrazione in Prefettura Festa della Repubblica: la celebrazione in Prefettura La giornata è iniziata con la deposizione di due corone d’alloro al Monumento ai Caduti in Guerra di Barletta
Festa della Repubblica, le celebrazioni a Barletta Festa della Repubblica, le celebrazioni a Barletta Tradizionale deposizione delle corone d'alloro in Piazza Caduti
Il 2 giugno sarà il 76° anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana Il 2 giugno sarà il 76° anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana Cerimonia in Prefettura a Barletta: il programma della giornata
Nuova speranza per l'ex Palazzo Poste: arrivano quasi 4,3 milioni dal Ministero Nuova speranza per l'ex Palazzo Poste: arrivano quasi 4,3 milioni dal Ministero Soddisfatto Michele Grimaldi, Direttore Archivio di Stato di Bari, «grave però la carenza di personale»
1 Ex Palazzo Poste di Barletta adibito ad Archivio di Stato? Il comitato tranese non ci sta Ex Palazzo Poste di Barletta adibito ad Archivio di Stato? Il comitato tranese non ci sta Il presidente Alessandro Moscatelli scrive alla Corte dei Conti
De Nittis o Denittis? Questo è il dilemma! De Nittis o Denittis? Questo è il dilemma! Un viaggio tra i documenti dell'Archivio nella nota a firma del direttore Michele Grimaldi
La "mission impossible" per salvare il Palazzo delle Poste di Barletta La "mission impossible" per salvare il Palazzo delle Poste di Barletta L'Archivio di Stato pronto ad acquisire l'immobile storico: potrebbe diventare deposito degli atti e centro culturale
4 novembre: la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate 4 novembre: la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate La lettera del Direttore dell'Archivio di Stato, Michele Grimaldi
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.