La protesta di Angelo JPG
La protesta di Angelo JPG
Cronaca

Sciopero della fame, la protesta di Angelo sotto Palazzo di Città: #IoSonoEssenziale

Il giovane imprenditore protesta pacificamente con una tenda da campeggio

Angelo Batticore nel febbraio 2019 ha deciso di trasferirsi a Barletta per coronare il suo sogno di progettare una pizzeria che utilizzasse prodotti 100% italiani, perché anche se l'Italia non sta appoggiando i lavoratori, lui ci ha sempre creduto dall'inizio nel valore del Made in Italy. Non aveva molte aspettative essendo una città diversa rispetto a quella in cui aveva abitato finora in provincia di Napoli, ma era carico di tanta determinazione e zelante, tra impegni e sacrifici, nell'aprile dello stesso anno inaugura il suo sogno.

Angelo ha deciso di trasferirsi a Barletta sostenuto ed incoraggiato dalla sua famiglia che non ha smesso un giorno di stargli accanto, anche oggi che ha deciso di accamparsi fuori il Palazzo di città e di protestare pacificamente anche attraverso lo sciopero della fame.

Un gesto così estremo per simboleggiare come ci sia chi, dopo un anno, non riesce più ad assicurare un pasto caldo, il cibo sulla tavola ai propri figli o semplicemente a sé stessi.

Il papà di Angelo lo sostiene, era lì ad assicurarsi che stesse bene, a regalargli tutto l'appoggio possibile tra un sorriso ed un spiccato accetto napoletano. Aveva in mente questa protesta pacifica già da qualche giorno, soprattutto dopo gli avvenimenti di martedì in Piazza Aldo Moro che hanno alimentato e incitato il suo animo ad un gesto maggiormente significativo a nome di tutta la comunità imprenditoriale.
Oggi alle 10 del mattino ha iniziato a montare insieme a qualche amico una tenda reperita qualche giorno fa, ha portato dei libri, parecchi, tanta acqua e il telefono per tenersi aggiornato perché combatte la sua battaglia anche sui social: un vero e proprio attivista nell'era del 2.0. Ed infatti i social sono colmi di sue foto.

Molti stamane, passando da Corso Vittorio Emanuele II, gli scattano una foto, la pubblicano sui social ed esprimo la loro vicinanza. Lui esprime il suo appoggio anche ai lavoratori della cultura, agli artisti, il mondo dello spettacolo.



Sono in molti i ragazzi, amici e ristoratori, che passando dal Palazzo di città si fermano e spendono con Angelo una chiacchiera, che esprimono sostegno, gli danno una pacca sulla spalla e gli portano il necessario: acqua e succhi. Non ha dimenticato di attaccare sulla sua tenda il volantino con scritto #IoSonoEssenziale.

Indossa una mascherina tricolore perché nonostante tutto ci crede nell'Italia e di poter continuare a vivere il suo sogno qui, nel Paese che lo ha costretto a chiudere.
  • Protesta
Altri contenuti a tema
Angelo torna a casa, «la tenda è stata il centro operativo della nostra lotta» Angelo torna a casa, «la tenda è stata il centro operativo della nostra lotta» Per 11 giorni ha vissuto sotto i portici di Palazzo di città, «la mia attività ormai non esiste più, ma spero un giorno di riaprire»
Il racconto di Giuseppe Dileo, in arte Peppe Space, tatuatore di Barletta Il racconto di Giuseppe Dileo, in arte Peppe Space, tatuatore di Barletta Parrucchieri, estetisti e anche tatuatori hanno manifestato ieri per far sentire la propria voce
2 Protesta dei ristoratori di Barletta, da domani di nuovo chiusi Protesta dei ristoratori di Barletta, da domani di nuovo chiusi Barletta, insieme ad Andria, Bisceglie e Spinazzola, torna in zona arancione da mezzanotte
1 Lavori in via Andria e via Callano, residenti in protesta Lavori in via Andria e via Callano, residenti in protesta Il comitato di cittadini chiede soluzioni al problema dei varchi pedonali
Timac di Barletta, i sindacati chiedono l'intervento del Prefetto Timac di Barletta, i sindacati chiedono l'intervento del Prefetto Pietro Fiorella: «Atteggiamento da stigmatizzare, nessuna risposta dall'azienda»
Sanità e sicurezza, i medici della Bat protestano contro la Regione Sanità e sicurezza, i medici della Bat protestano contro la Regione Luciano Suriano (Cimo) denuncia tutti i disagi del settore
10 Cianci: «Ecco la storia di OAP, Barletta è tessuto sano» Cianci: «Ecco la storia di OAP, Barletta è tessuto sano» Dopo la manifestazione del 29 settembre , la lettere del presidente
5 Inquinamento ambientale a Barletta: cementeria Buzzi e Timac Agro nel mirino Inquinamento ambientale a Barletta: cementeria Buzzi e Timac Agro nel mirino Circa 600 i manifestanti riunitisi presso il Castello Svevo, è protesta
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.