Lido
Lido
Associazioni

Imprese Balneari, Confesercenti chiede certezze anche per Barletta

Ieri a Roma un incontro per sottoporre proposte e chiedere soluzioni

Si è svolta ieri a Roma l'Assemblea Elettiva della Federazione Imprese Balneari di Confesercenti. In questa occasione è stato sottolineato che le Imprese Balneari si trovano in uno stato di profondo malessere per la mancata soluzione di problemi vecchi e nuovi.

«L'attuale assetto normativo va profondamente riformato eliminando la condizione di precarietà e provvisorietà che oggi caratterizza le imprese che operano sul demanio marittimo; tale situazione ha provocato un blocco totale di nuovi investimenti con conseguenze rilevanti nell'indotto e nelle aziende produttrici di attrezzature balneari». È quanto scrivono il direttore di Confesercenti Bat Raffaele Landriscina e il presidente di FIBA Confesercenti Bat Palmino Canfora.

«La scadenza del 2020 (Direttiva Bolkenstein) è dietro l'angolo, non c'è più molto tempo da perdere in tavoli più o meno tecnici per redigere documenti da presentare alla Comunità Europea; si deve subito mettere mano a un poderoso intervento legislativo che riordini organicamente l'intera materia, così come più volte sollecitato dalla Conferenza delle Regioni, da ANCI, UPI e da tutte le Organizzazioni di Categoria. Serve subito una norma precisa e solida che metta innanzitutto in sicurezza le imprese attualmente operanti. Deve essere prioritario affermare legislativamente la certezza del diritto e della buona fede di chi ha confidato nell'assetto normativo e amministrativo previgente, nel rinnovo automatico e nel diritto di insistenza. Nello stesso tempo va garantito il diritto alla proprietà della propria azienda da parte degli attuali concessionari, così come costituzionalmente previsto; infatti la concessione demaniale costituisce un elemento essenziale per la esistenza dell'azienda, così che la perdita della concessione comporterebbe il venir meno dell'azienda.

A tal fine F.I.B.A. - Confesercenti propone:
  • una durata minima delle concessioni demaniali marittime di 30 anni da riconoscere ed assicurare anche alle imprese attualmente operanti;
  • il riconoscimento del valore commerciale dell'azienda da trasformarsi in ristoro a favore del concessionario alla scadenza della concessione;
  • la sdemanializzazione delle aree che hanno perso le caratteristiche della demanialità e la loro cessione con diritto di opzione al concessionario;
  • l'applicazione dell'aliquota IVA al 10%;
  • una interpretazione definitiva del concetto di facile e difficile rimozione valevole per tutto il territorio nazionale;
  • il superamento della stagionalità nel mantenimento delle opere e delle attrezzature balneari;
  • la soluzione definitiva delle questioni in essere relative ai canoni pertinenziali.
I dirigenti territoriali, rappresentanti dei Balneari della FIBA Confesercenti B.A.T. hanno partecipato all'Assemblea Nazionale per ribadire tali proposte e per spingere l'intera organizzazione nazionale a prendere iniziative concrete e definitive verso il nuovo Governo che, attraverso il Ministro Centinaio si è impegnata seriamente a salvaguardare i diritti acquisiti dai nostri imprenditori».
  • stabilimenti balneari
  • Confesercenti
Altri contenuti a tema
2 Concessioni balneari a Barletta, il TAR Puglia conferma la legittimità della proroghe al 2033 Concessioni balneari a Barletta, il TAR Puglia conferma la legittimità della proroghe al 2033 La nota dell’avvocato Francesco Tomasicchio
Da Margherita a Bisceglie, per le spiagge della Bat «sarà una stagione di grandi numeri» Da Margherita a Bisceglie, per le spiagge della Bat «sarà una stagione di grandi numeri» Intervista ad Antonio Capacchione, presidente nazionale del Sib (sindacato italiano balneari): «Nella Bat abbiamo tutto ciò che serve ma stentiamo a decollare»
Confesercenti BAT: "Avanti con la mappatura delle coste" Confesercenti BAT: "Avanti con la mappatura delle coste" Canfora: “Ora subito tavolo interministeriale con associazioni di categoria per stabilire criteri”
La Bat tra risorse e limiti: il punto con Mario Landriscina, direttore Assoturismo Confesercenti La Bat tra risorse e limiti: il punto con Mario Landriscina, direttore Assoturismo Confesercenti «Purtroppo i numeri relegano la zona della Puglia Imperiale agli ultimi posti dello sviluppo commerciale-imprenditoriale-turistico della nostra regione»
1 «Sulle concessioni balneari non si può agire in modo frettoloso» «Sulle concessioni balneari non si può agire in modo frettoloso» Canfora, presidente di Confesercenti Bat, chiede una chiara mappatura della situazione
Confesercenti BAT consegna una targa ricordo al Prefetto Valiante Confesercenti BAT consegna una targa ricordo al Prefetto Valiante «Punto di riferimento per le categorie produttive, commerciali e turistiche, inimitabile  figura istituzionale»
Turismo in Puglia, «l’importante è aver cominciato a correre» Turismo in Puglia, «l’importante è aver cominciato a correre» L'analisi di Landriscina (Confesercenti Bat): «Di recente la Puglia ha assunto un ruolo turistico importante»
No al pagamento delle occupazioni di suolo pubblico, la richiesta di Confesercenti BAT No al pagamento delle occupazioni di suolo pubblico, la richiesta di Confesercenti BAT Nota rivolta ai sindaci della provincia
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.