Prefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943
Prefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943
Eventi

Conoscere la guerra per difendere la pace

Franco Marini a Barletta per il 71° anniversario della resistenza militare

«La guerra non si celebra, si celebra il ricordo e di essa gli insegnamenti». E' questo il messaggio chiaro e forte che il il Presidente del Comitato storico scientifico per gli anniversari d'interesse nazionale, senatore Franco Marini, ha dato stamattina a Barletta, durante la sua visita alla Prefettura di Barletta-Andria-Trani. Alla presenza del prefetto Clara Minerva e del sindaco di Barletta Pasquale Cascella, Marini si è soffermato sugli accadimenti cronologici di quella coraggiosa pagina di storia, firmata 71 anni fa dai dieci vigili urbani e i due netturbini fucilati in Piazza Caduti: «Barletta conserva la testimonianza di quanto erano aspre le tensioni tra truppe naziste e italiane. La grande guerra in un solo anno ha fatto un milione di morti, Papa Benedetto XV la definì "l'inutile strage" e io, in tanti anni di rimembranze, mi chiedo se la guerra di 100 anni fa fu una necessità ingovernabile o se fu l'apoteosi degli egoismi europei. E' difficile rispondere a una domanda del genere, ma è ormai chiaro che la scintilla di Sarajevo è stata la causa storicizzata del fuoco della grande guerra; in realtà il seme di quel germoglio sanguinario era molto più datato del 1914».

Ciò che ha catturato maggiormente lo sguardo storico di Marini è stata la mostra documentaria, curata dall'Archivio di Stato di Barletta in sinergia con la Prefettura, i Comuni e realizzata con il supporto logistico dei privati. Una rievocazione archivistica, dunque, a costo zero, ma soprattutto a costo umano, il cui potenziale didattico è indiscusso: «Devono essere i ragazzi i maggiori fruitori di questa mostra-ha incitato il prefetto Minerva-perché a loro è destinato il futuro della memoria e per loro saranno organizzate delle visite guidate apposite. Il fermento di idee che ho trovato sin dal mio insediamento in questa provincia ha bisogno die essere preso per mano e accompagnato attraverso i percorsi storici che esaltino i resti della memoria bellica qui conservati».

Guerra e resistenza che si incrociano, in una dialettica storico-sociale che lascia trapelare i vizi della prima e le virtù della seconda. Una sintesi perfetta per la città di Barletta è la figura di Giuseppe Carli, il cui pronipote- intervistato anche dalla nostra testata-ha mandato un comunicato in occasione della visita del senatore Francesco Marini a Barletta. A leggerlo è Ruggiero Graziano, presidente ANMIG (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra), e la parola che risuona insistente è quella di Libertà. Che parole magiche sono libertà, giustizia, pace, civiltà! Non sono ideologie, perché dietro queste parole non ci sono né utopie, né pensieri; possono esserci le gesta, le azioni fatte da chi in queste parole crede e il confine tra probabilità e certezza dipende solo dalla volontà umana. «La guerra non va celebrata-rimarca Marini-ma va conosciuta. Solo il sapere può liberarci dalla schiacciante ignoranza storica e farci capire che la soluzione a divari sociali e ingiustizie economiche sta nella pace. E la pace significa negoziato, significa rispetto, significa un passo di civiltà verso la democrazia».
8 fotoPrefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943
Prefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943Prefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943Prefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943Prefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943Prefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943Prefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943Prefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943Prefettura, mostra sui fatti del 12 settembre 1943
  • Prefettura
  • Seconda guerra mondiale
  • Archivio di Stato
  • Guerra
  • Archivio della Resistenza e della Memoria
  • storia del '900
Altri contenuti a tema
1 Stagione estiva, uniformati gli orari di somministrazione alcolici ed emissione sonore Stagione estiva, uniformati gli orari di somministrazione alcolici ed emissione sonore La nota della Prefettura
1 Il Monastero San Ruggero di Barletta accoglierà giovani in situazioni di disagio Il Monastero San Ruggero di Barletta accoglierà giovani in situazioni di disagio Firmato protocollo in prefettura: saranno effettuati progetti di recupero e sostegno
Istituita in prefettura la cabina di coordinamento per gli interventi del PNRR Istituita in prefettura la cabina di coordinamento per gli interventi del PNRR Decreto firmato dal prefetto Silvana D'Agostino
Il prefetto Silvana D'Agostino si presenta alla Bat:  «Agirò con responsabilità e impegno» Il prefetto Silvana D'Agostino si presenta alla Bat: «Agirò con responsabilità e impegno» Già avviate le attività istituzionali
Il Prefetto D'Agostino incontra il console d'Algeria a Napoli Il Prefetto D'Agostino incontra il console d'Algeria a Napoli Diversi gli argomenti discussi
Il saluto alla provincia Bat del nuovo Prefetto Silvana D'Agostino Il saluto alla provincia Bat del nuovo Prefetto Silvana D'Agostino Questa mattina l'insediamento
Il Prefetto Rossana Riflesso saluta la provincia Bat Il Prefetto Rossana Riflesso saluta la provincia Bat Due anni intensi di lavoro
Lodispoto: «Il Prefetto Riflesso ha seguito il territorio con impegno e attenzione» Lodispoto: «Il Prefetto Riflesso ha seguito il territorio con impegno e attenzione» La nota con cui il presidente della Bat esprime la sua gratitudine nei confronti del Prefetto uscente
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.