segretario pd scrutinio
segretario pd scrutinio
Politica Aggiornamenti in Diretta

Barlettalife in diretta dal congresso cittadino del Partito Democratico

Due giorni di lavori, domani si svolgeranno le votazioni. Si sceglierà il nuovo segretario cittadino del Pd

Oggi e domani si terrà il congresso del Partito Democratico di Barletta all'hotel "La Terrazza", sulla litoranea di levante della Città della Disfida. L'inizio dei lavori è fissato alle ore 10 di sabato, con l'introduzione del presidente del PD, Nicola Ruta, cui seguiranno i saluti del segretario provinciale PD Andrea Patruno, del sindaco di Barletta, Nicola Maffei, e gli interventi dei presenti. Dopo l'interruzione dei lavori, prevista alle ore 13. Nel pomeriggio dalle 17 alle 21, spazio al dibattito ed alla presentazione delle candidature, delle liste collegate e dei programmi di ciascun candidato segretario. La domenica sarà completamente dedicata alle votazioni, che si apriranno alle 9 e si concluderanno alle 20. Seguirà lo scrutinio che sancirà il nome del nuovo segretario cittadino del Partito Democratico.

L'elettorato attivo e passivo potrà essere esercitato da coloro che si sono iscritti al partito entro il 20 gennaio 2012 e sono in possesso della tessera.

Barlettalife seguirà in diretta l'intero congresso, rilanciando sul web gli aggiornamenti e gli interventi dei politici presenti in tempo reale. Seguiranno la diretta per il nostro portale il notista politico Alessandro Porcelluzzi in qualità di coordinatore, il direttore responsabile Michele Sarcinelli come supervisore, e la redazione nelle persone di Enrico Gorgoglione, Luca Guerra, Marco Catapano, Edoardo Centonze e dell'editore Mario Sculco.

Aggiornamento delle ore 11:30
Inizia con un'ora e trenta di ritardo il congresso cittadino del Partito Democratico che eleggerà il nuovo segretario cittadino, ruolo vacante dall'estate scorsa. Abbiamo già registrato le prime dichiarazioni relative alla struttura organizzativa. Leggiamo di seguito del Presidente del Congresso Nicola Ruta, e della signora Michelina Della Fortuna, componente del Comitato di Garanzia del congresso e tesoriere del Partito:

Inizia la diretta di Barlettalife con l'intervento di Nicola Ruta, presidente del Partito Democratico:
"Inizieremo con i saluti del Presidente e del Segretario Provinciale Patruno. Seguirà il saluto del sindaco Maffei, gli interventi successivi dei rappresentanti delle forze politiche presenti in città. Successivamente saranno presentati i candidati, con le rispettive mozioni. Nel pomeriggio ci sarà l'insediamento dell'ufficio elettorale responsabile della votazione di domani, il dibattito, cosa molto auspicata vista anche l'attuale situazione politico-amministrativa presente in città che ha attribuito un ruolo importante alle celebrazione di questo congresso".

Michelina Della Fortuna, componente del Comitato di Garanzia del congresso e tesoriere del Partito:
"Si voterà domani presso la sala congressi attigua dell'Hotel La Terrazza dalle ore 9:00 alle ore 20:00 in maniera continuativa. Saranno installati 10 seggi suddivisi per lettera. Ad ogni seggio ci saranno 3 scrutatori, tra di loro sarà nominato un presidente. Potranno votare tutti coloro iscritti all'anagrafe del Partito che hanno rinnovato la tessera entro il 20 gennaio 2012, ed in possesso di un documento di riconoscimento. Assolutamente scongiurata la duplicazione di voto. Sono state presentati 3 candidati segretari alle ore 19 di ieri – termine ultimo della presentazione: nelle persone di Antonio Divincenzo, Caterina Spadafora e Stefano Chiariello. Sono inoltre state presentate, collegate ai relativi candidati segretari, delle liste. A Chiariello sono collegate 7 liste: Democratici (1); Barletta Attiva (2); Corcella per tutti (3); Noi con Tupputi (4); Rifacciamo la politica (5); Stabilità (6); Politica creativa per lo sviluppo (7). Alla candidata Spadafora è stata collegata la lista MoDem (8). Al candidato Divincenzo sono collegate le liste Iris (9), Arca (10), Archimede (11); Democratici per l'Europa (12); Democratici per l'Italia (13); Democratici per Barletta (14); Democratici per sempre (15); Democratici per lo sport (16); Riformisti (17). Si vota una sola lista barrando il quadratino numerato – automaticamente il voto va al candidato segretario sostenuto da quella lista".

Alessandro Porcelluzzi commenta il primo intervento del segretario provinciale Patruno, che ha da pochi istanti terminato il proprio intervento:
L'intervento di Patruno prende le mosse dai successi che tra il 2010 e il 2011 hanno segnato il percorso cittadino del PD, fino alla elezione di Maffei, con il PD a quota 15000 voti. Ampio spazio è stato dedicato alle vicende che hanno condotto alle dimissioni di Franco Caputo: "Mancanza di collegialità, incapacità di condivisione, tentativi di condizionamento, logica della partigianeria". Un ringraziamento è andato a coloro che hanno gestito questa fase di transizione: Michelina Della Fortuna, Michele Della Croce, Giacomo De Michele. Le parole d'ordine del futuro PD di Barletta devono essere per Patruno: concreto, credibile, unitario. L'appello agli iscritti è per la costruzione di un partito realmente unitario, che dia la possibilità reale al segretario eletto di fare sintesi.

E' stato poi il turno del sindaco di Barletta, Nicola Maffei. Rileggiamo il suo intervento attraverso l'analisi di Alessandro Porcelluzzi:
L'intervento di Maffei parte dalla memoria dello scorso congresso. Maffei ritiene che a quel congresso sia seguita "una graduale incapacità nell'incidere sulle scelte e sulle decisioni da assumere". La causa di tutto ciò è attribuita dal sindaco ad obiettivi e ambizioni personali (del segretario dimissionario?); nonostante questo, Maffei rivendica i propri successi elettorali. Maffei ha ritenuto di "non vivere questo momento in una condizione di neutralità". Il sindaco, infatti, appoggia una delle tre mozioni presentate. L'intervento di Maffei si chiude con un significativo auspicio: " Buon lavoro a tutti i congressisti e in bocca al lupo alla migliore mozione e a chi la saprà meglio rappresentare e attuare".

Dopo il saluto delle forze politiche alleate (Sel, Psi, Buona Politica, Idv, Api, Lista Emiliano) ha inizio ora la presentazione delle tre mozioni. Comincia Antonio Divincenzo per l'area che fa riferimento al sindaco Maffei.
Tre i punti fondamentali del discorso programmatico del candidato segretario Antonio Divincenzo:
- Distretti dell'innovazione;
- Bilancio del settore agricolo;
Investimenti in cultura e formazione;

Aggiornamento delle ore 12.30
Emblematiche sono le seguenti affermazioni di Divincenzo: "Per far tutto ciò abbiamo bisogno di politiche, abbiamo bisogno del Partito Democratico, abbiamo bisogno di tutti, ogni singolo iscritto/a deve favorire un percorso di crescita e maturità politica. Mai come in questo momento abbiamo bisogno di politica, di ridargli dignità, facendo del partito il luogo delle decisioni politiche, dove trasformare le istanze dei cittadini in indirizzo politico per l'amministrazione, per favorire un contatto più sinergico tra cittadini iscritti e amministratori, abbiam bisogno di selezionare il gruppo dirigente per rinnovarlo, non secondo logiche fideistiche, ma per competenze, merito, capacità, consenso…(…) Bisogna nominare una giunta politica una sola volta, la più forte con il più largo consenso, come la città ci ha chiesto affidandoci la guida, e non cambiarne 4 in 5 anni come nella precedente amministrazione. Solo così potremo assolvere agli impegni presi in campagna elettorale, solo così potremo essere partito democratico".

Tutto all'attacco l'intervento della candidata segretaria dell'area che fa riferimento al consigliere regionale Mennea Caterina Spadafora. "Un partito coraggioso nell'affermare il rispetto di regole etiche", "No a doppi incarichi", "Allontanare chi non opera nel seminato dell'etica". Secondo la Spadafora, bisogna ristabilire un rapporto tra amministratori e dirigenti affinché nessuno "si senta autorizzato ad operare senza condividere le scelte con il partito". Chiara la posizione rispetto al rimpasto di giunta: "Giunta politica con i partiti e i movimenti che hanno partecipato alla tornata elettorale". Chiude l'intervento con queste parole: "Da tifosa di questo stadio dico che sono certa che le idee valgano e superino i numeri: in questo senso il congresso l'abbiamo già vinto".

Chiude la serie di presentazione delle mozioni Stefano Chiariello, candidato per l'area vicina al consigliere regionale Caracciolo. Al centro del suo intervento l'allontanamento della cittadinanza dalla politica, la centralità del lavoro e del recupero della dignità del lavoro nell'azione politica. "Un contenitore politico fortemente inclusivo e aperto alla società civile. Un luogo ideale in cui la partecipazione e la condivisione costituiscano il metodo per la definizione delle strategie". Per fare questo, secondo Chiariello, è necessario ripensare agli strumenti di partecipazione, ad esempio un tavolo delle associazione e un più forte rapporto con la base del partito. Grande risalto, nell'intervento, alla questione della trasparenza dei finanziamenti e del bilancio dell'organizzazione.

Con l'intervento di Chiariello, si chiudono i lavori della mattinata. I lavori riprenderanno a partire dalle ore 17:00.

Aggiornamento delle ore 18.11

E' cominciato il dibattito, sta intervenendo Antonio Comastri, uomo dalla lunga esperienza nel campo dei sindacati e delle associazioni di categoria, firmatario del documento a sostegno del candidato segretario Stefano Chiarello (area Caracciolo).

Aggiornamento delle ore 18.25

Il moderatore invoca nell'uditorio, la parola di chi la voglia offrire. Agostino Cafagna raccoglie l'invito. Cafagna è il regista dell'operazione che ha portato il sindaco Maffei a presentare una terza mozione alternativa a quelle che si richiamano ai due consiglieri regionali Mennea e Caracciolo. Il candidato della mozione appoggiato da Cafagna è Antonio Divincenzo, attualmente assessore all'istruzione e alle politiche sociale.

Aggiornamento delle ore 18:58
Raccogliamo le riflessioni del consigliere comunale Lasala. Egli rifiuta l'idea di un compromesso tra il suo gruppo e il gruppo che fa riferimento al Sindaco. Parla invece di un semplice accordo in sede congressuale. La candidatura di Divincenzo, secondo Lasala, è partita da un'interlocuzione tra il gruppo del consigliere comunale e il ticket Cafagna-Divincenzo. Solo successivamente il Sindaco, dopo un incontro con l'on. Boccia, ha deciso di convergere su questa candidatura. Il sostegno a Divincenzo non significa per il gruppo di Lasala un passaggio all'area di Enrico Letta. Rispetto agli equilibri regionali e nazionali, Lasala continua a ritenersi indipendente.

Aggiornamento delle ore 19:03
Dopo Cafagna sono intervenuti Assuntela Messina e Pasquale Corcella, i cui interventi, pur da punti di vista divergenti, hanno richiamato entrambi la necessità di un ritorno all'unità del partito. Da pochi istanti è terminato l'intervento di Luigi Terrone, già segretario cittadino del partito. Il suo intervento è stato incentrato su un appello ad una gestione non monolitica della futura segreteria, avvertendo l'eventuale gruppo vincitore di un necessario coinvolgimento delle minoranze emerse in sede congressuale.

Aggiornamento delle ore 19:14

Dopo l'intervento di Cinzia Dicorato, interviene Franco Fucci. Esperienza trentennale come dirigente politico e amministratore nel lungo cammino PCI, PDS, DS, PD. A lungo uomo di fiducia del defunto ex sindaco Francesco Salerno, fu anche tra i fondatori della Buona Politica.

Aggiornamento ore 19:23
L'intervento di Fucci è un attacco di fuoco al "metodo Maffei". Fucci, che in passato è stato anche Assessore al personale, denuncia gli eccessi di un'amministrazione che produce delibere che riguardano patrocini e sponsorizzazioni. Durante l'intervento, Fucci si rivolge direttamente all'On. Boccia, presente in sala, chiedendo che si faccia carico delle anomalie del centro-sinistra barlettano.

Aggiornamento delle ore 19:28
Interviene ora il consigliere regionale e comunale Filippo Caracciolo, da più parti indicato come probabile vincitore del congresso cittadino con il suo candidato Stefano Chiariello.

Aggiornamento ore 19:43
L'intervento di Filippo Caracciolo verteva sulla necessità di un gruppo dirigente credibile e autorevole, anche per correggere le derive dell'amministrazione comunale e del Sindaco in primo luogo. Una difesa degli eletti e dei consiglieri comunali ha avuto uno spazio importante nell'intervento del consigliere regionale. Partecipazione e trasparenza sono, per Caracciolo, i temi portanti da affidare al futuro gruppo dirigente. In questo momento è salito sul palco per un intervento l'Onorevole Francesco Boccia, dopo un breve chiarimento "tecnico" del segretario provinciale Andrea Patruno a proposito delle operazioni di voto che si terranno domani dalle ore 9:00 alle ore 20:00.

Aggiornamento delle ore 20:22


Abbiamo intervistato, al termine del suo intervento, che ha spaziato dal governo Monti alla situazione pugliese, l'Onorevole Francesco Boccia:
Onorevole, è un buon segnale o è un cattivo presagio la presentazione di 3 candidati alla carica di segretario cittadino?

È un ottimo segnale, è il segno della vivacità del partito e soprattutto un segno dei tempi. 3 giovani brillanti, liberi e autonomi che dimostrano l'apertura del PD a Barletta.

Nel suo intervento, lei ha parlato anche delle alleanze a livello nazionale. L'adesione del sindaco Maffei all'area Letta avrà ricadute rispetto al canale privilegiato con Sel dalle primarie in poi?
No, non penso, assolutamente. Intanto Nicola Maffei è stato un sostenitore di Letta nel 2007. Sul piano politico nazionale il sostegno a Bersani da parte di Maffei è senza se e senza ma. Questa scelta dimostra solo la condivisione di Maffei rispetto al processo riformista che Letta porta avanti nel partito.

Il congresso genererà una svolta rispetto ai rapporti con l'amministrazione? Si riuscirà a ridimensionare il peso degli eletti?

Più che ridimensionare è necessario che gli eletti abbiano nel partito una guida per le grandi scelte per la vita della città. È chiaro che se è assente un orizzonte disegnato dal partito, se non c'è questa energia, ogni eletto segue semplicemente il proprio istinto.

Aggiornamento delle ore 20:33
Interviene Franco Ferrara. Il suo intervento ha come perno l'attenzione al crescente disagio sociale, le condizioni di estrema povertà che anche nella nostra città portano famiglie di lavoratori oggi disoccupati a rivolgersi a mense della caritas, parrocchie e servizi sociali per conservare la propria dignità

Aggiornamento delle ore 20.40
Interviene il cons. Nicola Ruta, presidente Pd, con una riflessione sulla settimana precongressuale del partito per lui affannato a presentare alla stampa le mozioni e a farle firmare a tanti e oggi tante persone non ci sono, mostrando il loro disinteresse, fa male continuare a far finta che va tutto bene, il gruppo consiliare Pd non si è mai riunito al completo. Una volta eletto il segretario, metterò a disposizione la mia carica.

Aggiornamento delle ore 20.45
Francesco Francavilla, neo segretario Giovani Democratici, sottolinea l'importanza del confronto interno, e la difesa dei rappresentanti Pd, sindaco, consiglieri comunali e regionali, nell'mpegno per sede Asl a Barletta. I Giovani Democratici auspicano la massima collaborazione con la nuova segreteria cittadina, proponendo una nuova sede del partito accessibile alla cittadinanza.

Aggiornamento delle 20.50
Giuseppe Spadaro, ricorda il rapporto sincero col segretrio dimissionario Franco Caputo. Molti si sono messi di traverso nella gestione di partito. Sostiene Antonio Divincenzo, ricorda che il partito è stato inagibile per diversi mesi, sarò leale con il segretario nella misura in cui saprà far rispettare le regole, sono d'accordo con la proposta della Spadafora per non sovrapporre le cariche politiche, tutti gli iscritti devono collaborare alla gestione del partito, dobbiamo continuare a incontrarci.

Aggiornamento delle ore 21
Interviene l'ex consigliere comunale Defazio, esprimendo entusiasmo per le 3 giovani candidature. Li invita ad essere rivoluzionari. Non vuole parlare stasera dell'amministrazione, ma auspica di poter sentire la presenza politica del sindaco, che per ora Defazio non sente ancora.

Aggiornamento delle ore 21.15
Interviene il consigliere Franco Grippo, per ribadire l'importanza dei giovani nel partito, per rinnovare realmente la classe dirigente. La classe politica dovrebbe litigare di meno per consentire ai giovani di dialogare faccia a faccia, e non nel mondo virtuale dei social network. L'obiettivo è smuovere una amministrazione immobile, e i giovani hanno questa possibilità di costruire un futuro politico

Aggiornamento delle ore 21.45
Interviene il consigliere regionale Ruggiero Mennea. Per lui, il congresso di straordinario ha solo il nome. Solo poche persone sono rimaste fino alla fine. C'è scarsa partecipazione, con un tesseramento un pò gonfiato, pochi interventi, straordinaria povertà di idee. Qui si viene a dire una cosa e poi fuori si fa tutt'altro. Dispiace il fango buttato addosso a Franco Caputo, chi lo ha accusato sbaglia. Il suo primo giorno da segretario, ha ricevuto subito una lettera di richiesta di dimissioni. Questo congresso è solo un passaggio inevitabile, assomiglia a un regolamento di conti interno. Se si chiede il rispetto delle regole, vuol dire che finora non sono state rispettate. Non si produrrà nulla di nuovo. Più che 3 candidati segretari, ci sono 3 aree. Se vince uno, si farà pressione sulla presidenza del consiglio comunale, se vince un altro, ci sarà altra guerra. C'è la violenta assenza di molti consiglieri comunali del Pd, di alcuni addirittura non conosciamo neanche il tono della voce. Questo partito ha usato le persone e poi le ha buttate via, solo perchè non elette per pochi voti. L'assenza del sindaco nel congresso è un altro segno di debolezza. Il congresso è legato all'amministrazione. Maffei schierandosi si è indebolito, non sarà più coordinatore tra le parti, ma alla pari degli altri. L'unica novità è voler prendere le distanze da ciò che si è fatto finora. La proposta della Spadafora è chiara e netta. Il problema della frammentazione è forte: si entra nel partito solo per un assessorato. Chi non esprime la sua opinione, indebolisce il partito. Credo che da lunedì inizierà la crisi del Pd e dell'amministrazione.

Termina qui questa lunga diretta di Barlettalife, in diretta dal congresso cittadino del Pd. Appuntamento alle ore 18 di domani, per seguire le fasi finali delle votazioni e lo scrutinio, che eleggerà il nuovo segretario cittadino del Pd.
7 fotoCongresso cittadino del Pd
Barlettalife in diretta dal congresso cittadino del Partito DemocraticoBarlettalife in diretta dal congresso cittadino del Partito DemocraticoBarlettalife in diretta dal congresso cittadino del Partito DemocraticoBarlettalife in diretta dal congresso cittadino del Partito DemocraticoBarlettalife in diretta dal congresso cittadino del Partito DemocraticoBarlettalife in diretta dal congresso cittadino del Partito DemocraticoBarlettalife in diretta dal congresso cittadino del Partito Democratico
Lista dei candidati al coordinamentoSI decide al congresso PD
  • Partito Democratico
  • Congresso
Altri contenuti a tema
10 Cascella: «Il centrodestra non ha i numeri e accusa il PD, diano piuttosto risposte ai cittadini» Cascella: «Il centrodestra non ha i numeri e accusa il PD, diano piuttosto risposte ai cittadini» La nota della capogruppo dem
Ampliamento discarica San Procopio, il Pd: «Ribadiamo ancora una volta il nostro no» Ampliamento discarica San Procopio, il Pd: «Ribadiamo ancora una volta il nostro no» La nota dei dem
22 Dimissioni Cda Bar.S.A., il Pd: «Siamo stati tristemente profetici, l’azienda è ormai un contenitore politico» Dimissioni Cda Bar.S.A., il Pd: «Siamo stati tristemente profetici, l’azienda è ormai un contenitore politico» La nota dei dem
Mancato aumento Tari, il Pd: «Orgogliosi di aver dato il nostro contributo per il bene della comunità» Mancato aumento Tari, il Pd: «Orgogliosi di aver dato il nostro contributo per il bene della comunità» La nota dei dem
Il Pd: «Non aumentare la Tari? È possibile con l'utilizzo degli utili Bar.s.a.» Il Pd: «Non aumentare la Tari? È possibile con l'utilizzo degli utili Bar.s.a.» La nota dei dem
Il Pd: «Barletta bloccata dall’inciucio tra Azione e Fratelli d’Italia e dalle ambizioni dei Tupputi» Il Pd: «Barletta bloccata dall’inciucio tra Azione e Fratelli d’Italia e dalle ambizioni dei Tupputi» La nota dei dem
18 Il Pd: «La Barletta del centrodestra, tra tasse che aumentano e privilegi» Il Pd: «La Barletta del centrodestra, tra tasse che aumentano e privilegi» La nota dei consiglieri dem
1 Il Pd: «La maggioranza non c'è, il sindaco ne prenda atto e la smetta di prendere in giro la città» Il Pd: «La maggioranza non c'è, il sindaco ne prenda atto e la smetta di prendere in giro la città» La nota dei consiglieri dem
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.